"La Lengua bella de Cansane"

"La Filatura della lana"

La lana dopo averla asciugata veniva sfioccata, pettinata e filata. "Arcolaio e canocchia erano gli strumenti con cui si filava, con una mano e a volte anche con i piedi si faceva girare la ruota fino ad ottenere un filo omogeneo. Con una buona dose di pazienza arrotolandolo al fuso e srotolandolo, permetteva di ottenere un filo ben ritorto. Dalla matassa che se ne otteneva il filo si divideva in "Cammatte", ossia il gomitolo per poi realizzare ai ferri calze, magle,cappelli e sciarpe. Guardate:

Chi non riesce a vedere il formato sopra provate questo: Guarda

Continuate a seguirci. "Il Matrimonio"