"Gli pensieri di Nu Pover'Omo"

Gli Socialnetwork

E na freghe de tiemp ch voluve scriver de stu fenomen,
tutt comenze nu iurr ch me venette ment di j a rome.
N'guigl iurr dicett a moglieme  volemm i a rome?
 E a cusci partamm per rome. Arrvamm  a là case de figlime e dope gli selut, chiacchiaramm n’ù poch e perché fova priestr e  gli niputin n' ce stevene , stevene a la scole, dicette a moglieme, j m'vaglia a fà nu gir pe rome.
Facett gli bigliett de gli'autobus e mentr aspetteve vedeve tutt la gente
ch' vuardevenen n'cima alle mene gliu telefone
e dicett a mì, madonna sant ma coma stann mpgnat chiss ?


Dope sagliett  agli'autobus e stavame come gli surge,
e po' vedev sembr tutta sta' gent che stevene sempr m'bgnat che stu cose m'ane
mannaggia sant ma chist n' parlane pernient!
vicin a mì ci steve un, c’a manc s’ pute movere pe quant stavam stritt,
e come s’ steve a pregà cu gliu dite premev n’cima a gliu telefon,
j m'curiesett e allora che là code de gliucch vedett che scriveve
" sto' sul l'autobus ed adesso sono davanti al semaforo di viale regina Elena sto' per passare porta pia e fra poco inizio via xx settembre."
Ma mannaggia sant ma mo' sci scit da la case e che cavugliu iu vo' dicere?
Ma possibl ca iara raccunta' tutt gliu percors.
Arrivett n’cima a “l’ara” (piazza Venezia)
e cumenzett a cammna' pe j a piazza “navona” a n'da lavor ieneme,
j telefonett e j dicett di cala' sott ca ci iemme a piglia' nu cafe,
mentr aspetteve,
juaglio' vu nen ci credet ma tutt le persone,
stevene che stu' mammocce mmane


che me sembrevene tutt na mass de m’bepit
ch premevene ste buttun "i like", mi piace, condividi”.
Ma crist sant ma possibile c'a a st'amich ni gli può' chiama' e dicr
“ ma che cavuglie ve truvenn”.
E a cusci venn ieneme e ci iamm  a piglia' nu bieglie cafe',
ci faccemme n'a' chiacchierata e ci salutamm p' rivederci alla cas.
E quest  e stat a n’da' cumenzata questa mia riflessione.
Dop nu poch de tiemp nu iurr , aunit Che moglime ci ne iamm a Pescara
a fa' nu poch d' "shopping" e po iamm a nu ristorante a magna' du'  pessc.
C'iasstamm a la tavula e mentr chiachiaravam de gliu pesc ca avavamre urdina';
vicine a nu s'asstierene n'atra coppia,
e chist nen se manche  vierdierene m'bacce,
se mietterene assettatt  e mettierne ognuno gliu telefon vicin.
Mentre magnevene manch se uardevene e manch iuardeven  gliu piatt,
stevene sembr a cummatt ch stu m'piastr d' telefono e a cosci uasch pe nu pare d'ore.
J me credev ca se parlevene pe telefon perché foven surd,
ma dop quant iett gliu camerier parlevene.
J e moglieme c' iardamm m'bacce e diciamm iuaglio' ' gliu munn sta' a cagna'.

Dope si fett, comunzett a iuarda' nu poche quelle che succedeve n'gir, e po', maccurgett che ste' cos succedevene pure a cansan. Nu' iurr n'drett a gliu barr e c,e stevene 3/4 persone ch cummatteven ch stu cavuglie de telefon,
( e mo' negne, e mo' fa caglie e mo' fa fridde, fra 15 iurr arriv le fridd.)
ma j dicett, a dicemmbr e iennar ara fa' le fridd e ara fa la neve,
a giugn e aust, ara fa le caglie o no'.
Po se piove se negne o ci sta gliu sole uegliu ' e' gliu tiemp si.
Me venette n'cocc, c'ha a gliu barr se ieve p' chiacchiara', pa raccunta' du fett,
p' rifa' gliu munne,
( anche Gino paolo fece una canzone che diceva : eravamo 4 amici al bar,
che volevano cambiare il mondo ecc. Ecc.)
ma mo tra la televisione e gliu telefonin n' si capisc chiu nient a gliu bar.
N’ te po’ fa m’anch nà birr n’sant pac.
Mo' si uard sempbr m'paccia agliu scherm d’ la televisione o d' gliu telefn p' vede'
gliu tiemp o s'arriv  "mi piace" .

 

Non è una critica a nessuno, lo faccio anch'io spesso, e' solo una riflessione per come si utilizza questo importante strumento sia di svago che per lavoro. E poi questi social network sono importantissimi mezzi di comunicazione ma bisogna usarli con parsimonia ed intelligenza altrimenti diventa come quello che vediamo tutti i giorni.

Umberto Eco:
"Internet? Ha dato diritto di parola agli imbecilli: prima parlavano solo al bar e subito venivano messi a tacere"


"I social media danno diritto di parola a legioni di imbecilli”. Parola di Umberto Eco che attacca così internet dopo aver ricevuto all’Università di Torino la laurea honoris causa in “Comunicazione e Cultura dei media”. “Prima – ha detto Eco - parlavano solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la collettività. Venivano subito messi a tacere, mentre ora hanno lo stesso diritto di parola di un Premio Nobel. È l'invasione degli imbecilli".
Per Eco il web sarebbe un vero e proprio “dramma” perché promuoverebbe “lo scemo del villaggio a detentore della verità”. La struttura di internet, secondo Eco, favorirebbe infatti il proliferare di bufale. E in proposito ha affermato anche che il ruolo dei giornali in tal senso è importante perché dovrebbero “filtrare con équipe di specialisti le informazioni di internet perché nessuno è in grado di capire oggi se un sito sia attendibile o meno". Per fare questo “i giornali dovrebbero dedicare almeno due pagine all'analisi critica dei siti, così come i professori dovrebbero insegnare ai ragazzi a utilizzare i siti per fare i temi”, ha detto Eco riferendosi al fenomeno della copiatura dal web.
Per il professore la laurea honoris causa è stata un ritorno alle origini. Proprio qui, infatti, nel 1954 si era laureato in Filosofia. “La seconda volta nella stessa università, pare sia legittimo, anche se avrei preferito una laurea in fisica nucleare o in matematica", ha scherzato Eco.